Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Concerti all’ora di pranzo all’IIC - “Sonate tra l’Irlanda e l’Italia” con Francesca De Nardi (pianoforte) e Davide Forti (violoncello) alias “Sonas Duo”

Data:

29/04/2022


Concerti all’ora di pranzo all’IIC - “Sonate tra l’Irlanda e l’Italia” con Francesca De Nardi (pianoforte) e Davide Forti (violoncello) alias “Sonas Duo”

Il 29 aprile si terrà il secondo concerto gratuito della serie “Concerti all’ora di pranzo” (di circa 45 min.) che si svolgeranno tra le ore 13 e le 14 nella Sala Pavillion del nostro Istituto.

Il “Sonas Duo” formato da Francesca De Nardi (pianoforte) e Davide Forti (violoncello) interpreterà pezzi tra i più impegnativi per questo ensemble cameristico: la seconda Sonata in Fa maggiore op. 99 di Brahms, due brani di Ernest J. Moeran (Prelude e Irish Lament), per omaggiare la terra irlandese che li ha accolti, e due brani di autori italiani (Ferrari-Trecate e Castelnuovo-Tedesco) per ricordare le loro origini e la stupenda letteratura italiana tra ‘800 e ‘900.

La partecipazione è gratuita previa registrazione.

Posti limitati!!!

Programma

  • Ernest J. Moeran (1894-1950), Prelude
  • Johann Brahms (1833-1897), Sonata per Violoncello e Pianoforte in Fa maggiore op. 99
  • Luigi Ferrari-Trecate (1884-1964), Il canto dell’Esule
  • Ernest J. Moeran (1894-1950), Irish Lament
  • Mario Castelnuovo-Tedesco (1895-1968), Figaro

Ernest John Moeran (1894 - 1950) è stato un compositore inglese di origine irlandese, le cui opere sono state fortemente influenzate dalla musica popolare irlandese. Ha studiato composizione al Royal College of Music con alcuni dei più compositori del suo tempo, Charles Villiers Stanford e John Ireland, e composto molte opere che sono state sempre ben accolte dalla critica. Nel 1945 sposò il violoncellista Peers Coetmore, che influenzò notevolmente la sua produzione cameristica.

Il Preludio per violoncello e pianoforte (1941) è un dono alla moglie come 'ricordo' mentre era in tournée durante la seconda guerra mondiale. Cosa interessante, la prima esecuzione del pezzo fu ad Alessandria d'Egitto. Il brano si presenta come una melodia ampia e lirica sovrapposta ad un accompagnamento estremamente semplice, che conferisce al pezzo gran parte del suo fascino.

Moeran dedicò altre tre composizioni alla moglie: il magistrale e commovente Concerto per violoncello, la Sonata per violoncello e l'Irish Lament, basato su un canto popolare irlandese, che verrà eseguito più tardi nel programma.

Johannes Brahms (1833 - 1897) è probabilmente uno dei più famosi compositori dell'era romantica. È considerato sia un tradizionalista che un innovatore ed è stato fonte di ispirazione per le generazioni di compositori successivi.

La Sonata per violoncello op. 99 in Fa maggiore è sicuramente una delle opere più valide di Brahms. Nonostante al suo tempo non tutti ne fossero del tutto convinti - venne spesso criticata per l'incredibile quantità di materiale musicale che richiede una notevole abilità strumentale da parte di entrambi i musicisti - oggi la Sonata è considerata un capolavoro per l’ensemble violoncello-pianoforte. "Nella Sonata per violoncello, la passione regna, ardente fino alla veemenza, ora provocatoriamente stimolante, ora lamentosamente dolorosa", scrissero i critici in seguito alle prime esecuzioni. La Sonata si compone di quattro ampi movimenti, che furono così riassunti da Florence May, una delle allieve di Brahms che alla fine divenne la sua biografa: “il primo ampio ed energico; il secondo toccante; il terza appassionato; il quarto vivace”.

Il primo movimento è straordinariamente audace, i due strumenti si scontrano in un mare di tremoli selvaggi, rincorrendosi in un turbinio di note. Il secondo movimento, Adagio affettuoso, è intenso e scorre tra momenti malinconici e di delicata tenerezza. Il seguente Allegro passionato è uno scherzo potente e oscuro, emblema del dramma romantico. L'ultimo movimento è basato su una semplice melodia popolare, quasi sorprendente nella sua leggerezza, che lascia all'ascoltatore un appagato sentimento di lieto fine.

Luigi Ferrari-Trecate (1884 - 1964) è stato un compositore italiano della prima metà del XX secolo. Compose principalmente per il teatro, in particolare opere brevi - le chiamava "favole liriche" - destinate ai bambini. L'elemento fantastico è sempre presente nelle sue composizioni e lo ritroviamo anche nel brano che viene presentato oggi. Il Canto dell'Esule è un breve brano ispirato ai recitativi operistici, dove il compositore mostra un mondo di emozioni semplici ma forti, lasciando che l'ascoltatore costruisca il proprio percorso musicale.

Mario Castelnuovo-tedesco (1895 - 1968) è stato un compositore, pianista e scrittore italiano. Nato a Firenze, ha studiato composizione con il famoso compositore italiano Ildebrando Pizzetti guadagnando presto popolarità a livello nazionale. Essendo di origini ebraiche, nel 1939 fu costretto dalle leggi razziali italiane ad emigrare negli USA, dove trovò il supporto del direttore Arturo Toscanini, del violinista Jascha Heifetz e del violoncellista Gregor Piatigorsky, cui è dedicato il brano Figaro. Si tratta di una parafrasi da concerto basata sulla famosa aria "Largo al factotum" dell'opera di Rossini "Il barbiere di Siviglia". Il tema di Rossini è riarrangiato in modo da risultare ancora più divertente (e buffo) dell’originale e il risultato è un pezzo pieno di virtuosismo e umorismo.

Informazioni

Data: Ven 29 Apr 2022

Orario: Dalle 13:00 alle 14:00

Organizzato da : IIC Dublino

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura - 11 Fitzwilliam Sq.

Autore:

Istituto Italiano di Cultura Dublino

1342