Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

An Italian Bloomsday 2020

 

An Italian Bloomsday 2020

In occasione del Bloomsday, la giornata dedicata a James Joyce e al suo Ulisse (i cui eventi si svolgono interamente nell’arco del 16 giugno 1904), Moni Ovadia e Claudio Magris riflettono sull’impatto determinante che la permanenza a Trieste e l’incontro con la cultura ebraica ebbero sul “professor Zòis” e sul suo capolavoro.

James Joyce affermò che l'Ulisse è "l'epica di due popoli": gli irlandesi e gli ebrei. Nel periodo in cui Joyce visse a Trieste, la città giuliana contava una numerosa comunità ebraica, e molti ritengono che a ispirare il personaggio di Leopold Bloom fu lo scrittore triestino Italo Svevo, di famiglia ebrea. Lo scrittore, attore e musicista Moni Ovadia riflette insieme allo scrittore Claudio Magris sulla Trieste di Joyce e sull'attività culturale degli ebrei triestini all'inizio del XX secolo.

L'evento, che avrebbe dovuto svolgersi nella celebre Reading Room della National Library of Ireland, è stato trasferito online a seguito dell'emergenza da Covid-19: il discorso registrato di Moni Ovadia e Claudio Magris è stato trasmesso sulla nostra pagina Facebook il 16 giugno 2020.

Evento organizzato in collaborazione con National Library of Ireland e Corvino Produzioni con il supporto di Allianz.


1188